Ottimizzare sito per la ricerca vocale

3 pratiche per ottimizzare il tuo sito per la ricerca vocale

Se hai/prevedi di lanciare un sito web, è importante mettere in atto buone pratiche per essere presenti nei risultati di ricerca vocale.

Che cos’è esattamente la ricerca vocale?

Senza nemmeno accorgersene, gli assistenti vocali o i dispositivi che offrono la ricerca vocale hanno interferito nella nostra vita quotidiana. Dal nostro punto di vista, ci aiutano a trovare le risposte alle nostre domande. Ma dal punto di vista del dispositivo, traduce semplicemente la nostra domanda orale in una query web su un motore di ricerca e condivide con noi il risultato più rilevante. È quindi importante che i professionisti del web sappiano adattarsi a questa nuova abitudine.

Quali sono le sfide per la ricerca vocale?

Nel 2019 c’erano non meno di 3,25 miliardi di assistenti vocali in tutto il mondo. Questa tendenza sembra rafforzarsi: Google ci dice che 1 ricerca su 5 effettuata dalla sua applicazione è una ricerca vocale. La “ricerca vocale“, o ricerca vocale in francese, deve essere presa in considerazione nel modo in cui creiamo i contenuti sui nostri siti web, come già avviene per la SEO (Search Engine Optimization – buone pratiche di ottimizzazione per migliorare il posizionamento di una pagina nei motori di ricerca risultati).

Quali sono le best practice da applicare per ottimizzare il tuo sito per la ricerca vocale?

Innanzitutto, è importante sapere che, per rispondere a una ricerca vocale, l’assistente sceglierà tra i primi risultati dei motori di ricerca. Torniamo quindi alle basi: risalire nei risultati visualizzati applicando le regole della SEO.

E la regola da ricordare qui è il tempo di caricamento dei siti web. In effetti, Google mette in evidenza i siti il ​​cui tempo di caricamento è abbastanza veloce. Per misurarlo niente di più semplice: Google ha messo a disposizione gratuitamente uno strumento per “scansionare”, ovvero analizzare una pagina e assegnarle un punteggio in base alla sua performance. Se lo desideri, puoi anche utilizzare altri strumenti gratuiti per la misurazione del tempo di caricamento come GTmetrix o Dareboost. Questi strumenti ti daranno anche alcuni suggerimenti per migliorare il tempo di caricamento del tuo sito Web e quindi garantire che il tuo sito sia tra le migliori risposte per la ricerca vocale.

Ricordati di controllare che:

  • Il tuo sito web è responsive e il display si adatta a diversi dispositivi (tablet, computer, smartphone),
  • Le tue immagini e altri contenuti multimediali vengono compressi/ottimizzati.
  • Ottimizzare il tuo sito per la ricerca vocale: rispondere alle domande del settore.

In una seconda fase, puoi scoprire le domande frequenti relative al tuo settore di attività. La maggior parte delle ricerche vocali assume la forma di domande, quindi è importante posizionarsi, in termini di SEO, su queste.

Innanzitutto è necessario sapere quali domande vengono regolarmente poste sul mio settore di attività, sia nell’ambito di una ricerca vocale che di una ricerca tramite browser. Per rispondere, puoi prima fare qualche ricerca per parole chiave relative al tuo settore e osservare le domande che compaiono nella prima pagina dei risultati.

Queste domande fanno parte di una funzione messa in atto da Google chiamata Google Snippet. Questo strumento consente di evidenziare il contenuto di un sito che risponde a determinate domande, come ad esempio l’acquisizione. Il tuo obiettivo è quindi apparire in queste caselle.

Se le domande che compaiono sono già oggetto di molti articoli dei tuoi concorrenti, dovrai distinguerti rispondendo ad altre domande. Per guidare il tuo pensiero, ti consigliamo di utilizzare il sito web Answer The Public, che offre diverse ricerche gratuite al giorno raggruppando le domande sotto forma di diagrammi intuitivi.

Quindi, il processo rimane lo stesso: produci un articolo su cui rispondi a questa domanda in modo breve e preciso per apparire nel Google Snippet e vedere così i tuoi contenuti condivisi nei risultati della ricerca vocale.

Ottimizzare il tuo sito per la ricerca vocale: giocare la carta “locale”

Un’altra leva interessante è l’aspetto locale. I risultati restituiti da Google tramite la ricerca vocale spesso si riferiscono a posizioni intorno all’utente. Per poter comparire in questi risultati è importante disporre di un file Google My Business: la creazione di un file è completamente gratuita e questo permette ai potenziali clienti che ti cercano di avere le tue informazioni di contatto, di trovare facilmente il link al tuo sito ecc. Grazie a questa scheda comparirai più facilmente nei risultati delle ricerche vocali.

Tuttavia, puoi andare oltre creando contenuti relativi alla tua posizione se hai anche una presenza fisica in negozio/ufficio. Il nostro consiglio è quindi quello di scrivere della tua città/quartiere da visualizzare quando viene effettuata una ricerca. Se sei un fornaio e segui questa raccomandazione, quando viene eseguita una ricerca vocale come “Dimmi il fornaio più vicino”, avrai maggiori possibilità di essere citato come risposta all’utente.

Leave a Reply