Google Search Console

Cos’è Google Search Console e perché è utile

Search Console è uno dei tanti strumenti gratuiti offerti da Google. È grazie ad esso che potrai migliorare l’indicizzazione del tuo sito web.

Come installare Google Search Console

Vai alla pagina di Google Search Console (ex Google Webmaster Tools) per registrare il tuo sito. Nella schermata che appare, ti viene chiesto di dimostrare che il sito ti appartiene. Per fare ciò, fai clic su “aggiungi una proprietà” e inserisci il prefisso URL del tuo sito o del dominio.

Successivamente, dovrai verificare la proprietà del sito confermando di essere il proprietario. In entrambi i casi, Google ti offre diversi metodi per convalidare la proprietà del tuo sito:

  • Importa un file HTML sul tuo sito;
  • Aggiungi un tag HTML alla home page;
  • Utilizza Google Analytics o Google Tag Manager;
  • Accedi al tuo provider di nomi di dominio per aggiungere un record DNS.

Tieni presente che devi eseguire l’operazione per ogni sottodominio del tuo sito e per ogni protocollo (http/https). Dovrai quindi attendere alcuni giorni per vedere apparire i primi dati su Google Search Console.

Infine, ultima informazione da sapere: Google Search Console è stata aggiornata nel 2018. Nessuna novità di rilievo da segnalare ma sono emerse alcune aggiunte ed eliminazioni di funzionalità rispetto alla vecchia versione.

La sezione delle prestazioni

L’interfaccia di Google Search Console ha la forma di una dashboard suddivisa in più sezioni.

  • La piattaforma ti dà accesso a diverse informazioni nella sua scheda “prestazioni”:
  • Il numero di clic: quando qualcuno fa clic sul tuo sito;
  • Il numero di impressioni: quando il tuo sito appare nei risultati di ricerca;
  • La percentuale di clic (CTR): il rapporto tra impressioni e clic;
  • La posizione media del tuo sito nei risultati di ricerca.

Tutte queste informazioni possono essere ordinate utilizzando numerosi filtri: per pagina del sito, per paese, per dispositivo, per data, ecc.

Come sfruttare appieno queste informazioni? Qualche idea:

Ottimizza il tuo CTR: una pagina con molte impressioni ma una percentuale di clic scadente indica che il tuo sito viene visualizzato ma che gli utenti Internet fanno clic su un sito diverso dal tuo. Sta a te rivedere i tuoi titoli e la tua meta descrizione per ottimizzarli e renderlo più attraente!

Trova nuove Query: cerca parole chiave che generano percentuali di clic basse ma impressioni elevate. Creando contenuti specifici su queste parole chiave o ottimizzando una pagina esistente, puoi sperare di salire nei risultati di ricerca.

Infine, l’ultima sezione sotto la panoramica della dashboard, troverai una parte chiamata “ispezione URL”. Questa sezione consente di ottenere un rapporto dettagliato sull’indicizzazione di un URL. Per scavare con dati dettagliati, vai alla sezione “copertura”.

La copertura del tuo sito

La sezione “copertura” raggruppa tutti gli errori di indicizzazione riscontrati durante l’esplorazione degli URL del tuo sito. Search Console classifica gli errori in diverse categorie:

  • Errori;
  • Valido;
  • Valido con avviso;
  • Escluso.

Le cause più comuni di errore sono:

  • La pagina non trovata (errore 404);
  • La pagina bloccata da un file robot.txt;
  • Pagine duplicate;
  • Le pagine hanno volontariamente scartato “noindex”…

Per una migliore referenziazione naturale, è necessario assicurarsi che ci siano il minor numero di errori possibile sul proprio sito. Imposta i reindirizzamenti e risolvi i problemi rapidamente.

La mappa del sito

La mappa del sito è una fotocopia del tuo sito. È grazie a questo file che i robot possono leggere il tuo sito. Tutti gli URL indicizzati da Google sono in questo file. A volte viene generato automaticamente a seconda del tuo host ma se non esiste, è bene crearlo e inviarlo a Google.

Il punto da monitorare nella tua mappa del sito è il divario tra le pagine effettivamente indicizzate da Google e il numero attuale di pagine del tuo sito.

Inoltre, avere troppe pagine indicizzate non è necessariamente utile perché alcune pagine non meritano l’indicizzazione (ad esempio una pagina con contenuto duplicato). Nota, è normale che un nuovo sito abbia meno pagine indicizzate rispetto a un sito precedente.

Le altre sezioni interessanti della Search Console

Nella sezione “miglioramenti” verranno visualizzati i consigli per una migliore “ergonomia mobile” e un sito Web più reattivo. Ad esempio, Search Console può fornirti informazioni su possibili miglioramenti come:

  • Testo illeggibile troppo piccolo per essere letto su uno smartphone;
  • Elementi cliccabili che sono troppo vicini tra loro e impediscono di fare clic con precisione sull’uno o sull’altro pulsante;
  • Problemi di visualizzazione (contenuto troppo grande per lo schermo), ecc.

Un altro punto di interesse è il menu “link”. Grazie a questa scheda puoi trovare tutti i link elencati nel tuo sito: le pagine con più link, i principali anchor text, i siti che reindirizzano al tuo, ecc.

Alcune idee su cui lavorare per migliorare il tuo link building e la fluidità di navigazione sul tuo sito:

  • Arricchire le pagine senza collegamenti interni creando un collegamento interno di qualità;
  • Controlla la qualità dei tuoi backlink: link in entrata di scarsa qualità o irrilevanti possono influenzare la tua SEO;
  • Prenditi cura dei tuoi ancoraggi di collegamento, ecc.

La Google Search Console include molte funzionalità che sarebbe difficile elencare in modo esaustivo qui. Ecco alcuni degli altri menu interessanti.

La parte “sicurezza” ti informa di qualsiasi problema critico di sicurezza sul tuo sito: presenza di malware, software dannoso, ecc.

La parte “Azioni manuali” elenca tutte le tue cattive pratiche. Ciò significa che pratiche non consigliate da Google. Ad esempio, se hai utilizzato tecniche “Black Hat SEO” o se il tuo sito invia spam, Google potrebbe averti assegnato una penalità che si traduce in una retrocessione nei risultati di ricerca.

Uno strumento ricco ma in qualche modo tecnico, Google Search Console probabilmente richiede un po’ di pratica per padroneggiare tutte le sottigliezze. Non esitare a contattare gli esperti di Just Search per sfruttare le potenzialità dello strumento, e aiutarti nella tua strategia SEO!

Leave a Reply