Tariffe Freelance

Freelance: come fissare le tariffe

Per iniziare nel mondo dell’imprenditorialità è necessario stabilire i propri prezzi. Sono generalmente orari o giornalieri, ma a volte possono assumere la forma di una tariffa fissa per un servizio. Ma come fissare le tariffe? Cosa dovresti considerare quando stabilisci le tue tariffe?

1. Effettua uno studio di mercato

Prima di pensare ai prezzi che vuoi fissare per i tuoi servizi, è importante effettuare uno studio di mercato. Ti permetterà di conoscere il settore in cui vuoi iniziare, e quindi di avere una prima idea delle tariffe applicate per servizi simili.

Prima di tutto, considera di identificare i tuoi concorrenti diretti e di guardare in dettaglio quali servizi offrono, ma anche dove si trovano. È solo dopo aver definito chi ti è più vicino (sia geograficamente che in termini di servizi offerti) che dovresti osservarne i prezzi. Tieni presente che questi sono solo indicatori per aiutarti a farti un’idea dei prezzi generalmente applicati sul mercato. Non limitarti a questo se ritieni che i tuoi servizi si distinguano e richiedano un prezzo inferiore o superiore.

2. Calcola le spese da coprire

Ci sono una serie di spese ricorrenti da anticipare come libero professionista. È necessario identificarli per tenerne conto nel prezzo. Infatti, se ti dimentichi di contabilizzare alcune spese ricorrenti, rischi di non fatturare abbastanza e quindi di perdere denaro.

Le principali spese che devi identificare sono le seguenti: tasse, contributi sociali, assicurazioni, Internet, telefono, eventuale affitto, acquisto di attrezzature, formazione, viaggio, alloggio, ecc. Ce ne sono moltissime e variano a seconda della servizi che offri. Una volta definito un elenco preciso, quantifica queste spese, per avere un’idea delle spese che dovrai rimborsare prima di ricevere i soldi che ti andranno in tasca.

3. Definisci il tuo valore

Una volta effettuato lo studio di mercato e il calcolo delle spese, devi ancora definire il tuo valore aggiunto, e le referenze dei tuoi clienti per fissare i tuoi prezzi. Dovrai quindi giudicare la tua esperienza, sapere dove posizionarti nei prezzi di mercato. Le referenze dei clienti (se ne hai) danno credibilità ai tuoi servizi, e possono quindi permetterti di aumentare la tua notorietà e i tuoi prezzi. Ricordati di presentarli, possono giustificare prezzi a volte superiori alla media.

Non esitare a mettere in evidenza gli elementi che ti rendono unico, ciò che rende la tua originalità. Tutti questi criteri di differenziazione ti permetteranno di fissare prezzi più alti, ma anche di convincere i tuoi potenziali clienti.

4. Tariffa giornaliera, oraria o forfettaria?

Per fatturare i tuoi servizi, ci sono 3 diverse modalità: la tariffa oraria, la tariffa giornaliera e la tariffa flat.

Tariffa oraria: questo metodo consente di calcolare il prezzo di un servizio in base al numero di ore necessarie per eseguirlo. È consigliato ai liberi professionisti che possono facilmente stimare il numero di ore necessarie per completare una missione. Puoi calcolare la tua tariffa oraria semplicemente, grazie a questi passaggi:

  • Definisci lo stipendio netto mensile che vorresti ricevere,
  • Aggiungi l’importo delle spese che hai calcolato in anticipo,
  • Dividere tale importo per il numero di ore lavorate durante il mese.

Il risultato ottenuto corrisponde alla tua tariffa oraria. Tuttavia, ci sono alcuni elementi da tenere in considerazione, il sistema di congedo retribuito non esiste per i liberi professionisti, considera di aggiungere una piccola percentuale alla tua retribuzione per compensare.

Tariffa giornaliera

La tariffa giornaliera definisce la tariffa che vuoi addebitare per una giornata di lavoro, senza menzionare un numero specifico di ore. È quindi più adatto per progetti complicati da quantificare in volume orario o per missioni quotidiane ricorrenti. Se hai bisogno di flessibilità nella tua vita quotidiana e la maggior parte dei tuoi progetti sono sostanziali e richiedono il 100% del tuo tempo quando ci lavori, preferisci la tariffa giornaliera per impostare le tue tariffe.

Tariffa fissa o forfettaria

È anche possibile utilizzare un sistema di tariffazione fissa per determinati prodotti. Sarai in grado di impostare un unico importo per un servizio esatto, indipendentemente dal numero di ore o giorni che dedichi al progetto. Tieni presente che per utilizzare questo tipo di tariffazione è comunque consigliabile avere un’idea abbastanza precisa del numero di ore necessarie, perché se hai bisogno del doppio del tempo previsto, rischi di non trovarti economicamente lì.

Leave a Reply