Hosting condiviso

Hosting condiviso: cos’è e quando usarlo

L’hosting condiviso è in grado di ospitare più siti Web sullo stesso server fisico. Le risorse di calcolo vengono quindi condivise tra i diversi utenti (RAM, CPU, spazio su disco, larghezza di banda, ecc.). Si differenzia dall’hosting dedicato che è un modello di hosting in cui un singolo server è allocato a un singolo sito.

Hosting condiviso, i vantaggi

L’hosting condiviso è uno dei più utilizzati sul mercato. Ecco questi 2 vantaggi principali:

  • Basso costo: i costi operativi sono condivisi tra tutti i proprietari di siti Web che utilizzano lo stesso server. Inoltre, non ci sono costi per l’amministrazione della macchina fisica.
  • Amministrazione tecnica supportata: nessuna conoscenza tecnica richiesta, gli strumenti di configurazione di facile utilizzo sono messi a disposizione dai provider di web hosting.

Gli unici svantaggi di questo tipo di hosting: l’uso limitato delle risorse informatiche (le capacità del server sono condivise tra più siti Web) e la personalizzazione limitata relativa all’amministrazione tecnica (le configurazioni di base sul server vengono eseguite dal web host dedicato).

Hosting condiviso: per quali tipi di siti web è indicato?

Questo tipo di hosting è più adatto a siti con traffico basso o medio. Più concretamente, si tratta di siti web che non generano migliaia di visualizzazioni al giorno e che quindi utilizzano le risorse dei server informatici solo ad hoc (processore, RAM, spazio su disco, velocità, ecc.).

L’hosting condiviso è ottimo per le persone che non conoscono il Web (nuovi proprietari di siti Web) o per i singoli sviluppatori. Consente loro di amministrare un sito in modo responsabile, garantendo la sicurezza dei propri dati. Sebbene l’hosting dedicato richieda maggiori competenze tecniche in quanto ci sono molte impostazioni di sicurezza di cui occuparsi.

Alcuni esempi concreti di siti che possono utilizzare il web hosting condiviso: siti vetrina per piccole strutture, siti di e-commerce per VSE e PMI o anche blog personali.

Leave a Reply